Cucina lombarda: i suc

In Lombardia, ho pensato di proporvi un dolce  tipico della Bassa Padana, ma diffuso anche nelle regioni limitrofe. Si tratta di un budino d’uva, preparato con pochi e semplici ingredienti, ovviamente il requisito principale è un’ ottima e dolcissima uva nera.  Esistono diverse versioni di questa ricetta tradizionale, alcuno prevedono l’utilizzo di mosto d’uva, altre del semplice succo; un’ulteriore possibilità riguarda l’abbinamento con il pane, inserito direttamente nel suc, o a parte come accompagnamento.

Budino d'uva suc o sugolo

INGREDIENTI:

  • 1 kg di uva nera dolce
  • farina bianca (2 cucchiai ogni 250 gr di succo)
  • zucchero (opzionale)

PREPARAZIONE:

Lavare e asciugare l’uva, inserire tutti gli acini in una casseruola (non di alluminio) e cuocere a fuoco basso, mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungere eventualmente dello zucchero qualora l’uva non fosse abbastanza dolce, anche se la particolarità di questo budino è la punta asprigna che dovrebbe leggermente prevalere sulla dolcezza. Continuare la cottura finché tutti gli acini si saranno rotti, rilasciando il succo.  A questo punto è necessario passare il composto con un colino o in un  passaverdura, filtrandolo per eliminare bucce e nocciolini. Pesare il succo ottenuto ed unire due cucchiai di farina ogni 250 gr; per evitare la formazione di grumi, stemperare la farina con poco succo, aggiungendone gradualmente il resto. Rimettere sul fuoco, sempre a fiamma dolce, e far ridurre di circa un terzo, mescolando frequentemente. Riempire delle monoporzioni o una forma da budino più grande e lasciar raffreddare per qualche ora prima di sformarlo  o servirlo nelle cocotte a temperatura ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *