p5rn7vb

Cucina lombarda: risotto alla pilota

Logo cibo e regioni

Prima di iniziare, ci tengo a dire due parole sul difficile weekend appena trascorso. In realtà con tutto il gruppo ci siamo chiesti se fosse il caso di pubblicare oggi o di spostare la nostra rubrica settimanale, ma alla fine abbiamo deciso di unire le nostre voci in un messaggio di solidarietà per le tragedie successe. Noi interpretiamo, dal punto di vista gastronomico, le differenze regionali, ma più di una volta abbiamo sottolineato che in realtà questo è solo un modo per sottolineare le tante ricchezze culturali che uniscono il nostro Paese. Oggi più che mai mi sento di dire che l’Italia deve reagire unita in un abbraccio di solidarietà sia per la popolazione emiliana colpita dal terremoto, sia per la Puglia, così duramente colpita da un atto che, al di là della sua origine, è davvero inconcepibile. Un abbraccio virtuale a tutte le persone direttamente o indirettamente coinvolte in questi eventi, così diversi, ma altrettanto terribili.

——————————————————————————————————————————————————————————–

Questa settimana l’argomento che abbiamo deciso di proporvi è il riso. Un ingrediente davvero versatile, sicuramente molto utilizzato al nord, meno al sud, almeno in alcune regioni; ma la fantasia dei miei compagni di avventura non ha limiti, quindi siamo qui tutti pronti a farvi assaggiare i nostri piatti tipici regionali. Eccoli:

CALABRIA:  Riso salsiccia e peperoni di Rosa ed Io

CAMPANIA: Pizza di riso di Le Ricette di Tina

SICILIA:  Risotto ai carciofi di Cucina che ti Passa

TOSCANA:  Risotto all’ortica di Non Solo Piccante

VENETO: Risi e bisi di Semplicemente Buono

FRIULI VENEZIA GIULIA:  Risotto de caperozoli di Nuvole di Farina

PIEMONTE:  Panissa di La casa di Artù

EMILIA ROMAGNA:  Torta di riso di Zibaldone Culinario

TRENTINO ALTO ADIGE:  Risotto alla mela Red Delicious al Traminer  di A Fiamma Dolce

PUGLIA: Tiedd d ris patan e cozz di Breakfast da Donaflor

LAZIO: Pomodori col riso  di Chez Entity

LIGURIA: Risott co-i spaeghi  di Un’Arbanella di Basilico

UMBRIA: Risotto al tartufo di 2 Amiche in Cucina

MARCHE:   Riso e lenta di La Creatività e i suoi colori

ABRUZZO: Risotto all’abruzzese  di In Cucina da Eva

 

Come sempre ringrazio tutti gli amici che partecipano e le persone che mi hanno inviato nuove ricette per la raccolta. Se vi siete persi qualche puntata passata, potete trovare tutte le ricette in questa pagina, divise per argomento; se volete contribuire, saremo felici di aggiungere anche le vostre. Grazie anche a chi mi ha contattato per partecipare alla pubblicazione settimanale, come ho risposto, abbiamo deciso di non duplicare regioni già presenti della raccolta, invece se qualcuno volesse candidarsi per le regioni mancanti, sarebbe il benvenuto.

Adesso torniamo in Lombardia:

RISOTTO ALLA PILOTA

Risotto pilota

Questa settimana avevo davvero l’imbarazzo della scelta, il riso in Lombardia è  molto utilizzato, in particolare per i risotti, il più famoso è quello alla milanese, ma io ho scelto di rappresentare una zona diversa questa volta: il mantovano. Questo risotto prende il nome dagli operai addetti alla pilatura del riso, detti “piloti”, la loro versione tradizionale prevede una quantità decisamente maggiore rispetto a quella moderna; la particolarità di questo risotto è la cottura che non avviene nel brodo, ma nell’acqua e senza mai mescolare, se non alla fine. La salamella mantovana (arricchita con aglio) viene rosolata nel burro e sfumata con del vino bianco ed infine aggiunta al riso.

INGREDIENTI per 2 persone:

  • 150 gr riso vialone nano
  • uguale volume di acqua
  • 80 gr salamelle mantovane
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 30 gr burro
  • 30 gr parmigiano

PREPARAZIONE:

Portare l’acqua salata ad ebollizione e unire il riso, formando una piramide, in modo che la punta esca dall’acqua. Il recipiente più indicato è quello in rame o in cotto, in alternativa utilizzare una casseruola con fondo molto spesso. Lasciar cuocere senza mescolare per 12 minuti, poi spostare dal fuoco e coprire con il coperchio, lasciando riposare per un quart d’ora affinché il riso assorba tutta l’acqua. Nel frattempo rosolare bene la salsiccia sbriciolata con il burro e sfumandola con il vino. Aggiungerla al riso insieme al parmigiano e mescolare il tutto. Servire caldissimo.

Ti potrebbe interessare anche:

I commenti sono chiusi